Le 10 fotografie più costose del mondo

6 milioni e mezzo per comprare una foto. Io non so nemmeno quanti zeri ci vogliono per scrivere il numero. Oggi scopriamo insieme l’attuale top-ten delle fotografie più care della storia.

Phantom

1. Phantom di Peter Link: venduta nel 2014 ad un privato per 6 milioni e mezzo di dollari. Si tratta di una singolare e affascinante veduta dell’Antelope Canyon, in Arizona. (Chissà dove l’ha appesa…)

RINO-II

2. Rhein II di Andreas Gursky: venduta nel 2011 a 4.338.500 dollari. E’ una fotografia del fiume Reno, lunga 3 metri.

Untitled #96 di Cindy Sherman

3. Untitled #96 di Cindy Sherman: venduta all’asta nel 2011 a 3.890.500 dollari. Si tratta di un autoritratto dell’autrice, scattato nel 1981.

Dead troops talk di Jeff Wall

4. Dead troops talk di Jeff Wall: la foto è stata venduta nel 2012 a 3.666.500 dollari. No, non è una foto di guerra: è un falso, realizzato in studio.

99 cent II di Diptychon

5. 99 Cent II Diptychon di Andreas Gursky: venduta a 3.346.456 dollari nel 2007. Si tratta di un dittico e rappresenta gli scaffali pieni di merci di due supermercati.

The Pond-Moonlight di Edward Steichen

6. The Pond-Moonlight di Edward Steichen: la foto è stata venduta nel 2006 a 2.928.000 dollari. Rappresenta un bosco visto attraverso uno stagno, con una parte della luna che appare sopra l’orizzonte, tra gli alberi.

Untitled #153 di Cindy Sherman

7. Untitled #153 di Cindy Sherman: ed ecco un altro autoritratto di Cindy, questo venduto nel 2010 a 2.700.000 dollari. A me sembra davvero inquietante.

Billy the Kid – Unknown (1880)

8. Billy the Kid: la foto, di autore sconosciuto, è stata scattata nel 1880 ed è l’unico ritratto autenticato di Billy The Kid. E’ stata venduta nel 2011 a 2.300.000 dollari.

Tobolsk Kremlin di Dmitry Medvedev

9. Tobolsk Kremlin di Dmitry Medvedev: la foto è stata scattata proprio dall’ex presidente russo Dmitry Medvedev. Fu venduta all’asta nel 2010 per 1.750.000 dollari.

Nude di Edward Weston

10. Nude di Edward Weston: è uno dei tanti nudi di Weston. Fu venduto nel 2008 a 1.609.000 dollari.

Fonte: Reflex-Mania

Claire, la bambina di 4 anni che canta meglio di voi (di me sicuramente!)

Claire Ryann e il suo papà decidono di cantare insieme. Lui suona la chitarra e lei aspetta il suo turno sul divano. Claire ha 4 anni e quando inizia la sua strofa c’è da rimanere a bocca aperta. Adorabile. La canzone è “Hai un amico in me” (You’ve Got a Friend In Me), dal film Toy Story.

5 Libri per bambini sulla cacca

La cacca è un argomento tabù? Sembra di no, visto i molti libri in vendita sull’argomento. Tantissimi quelli dedicati ai bambini che stanno crescendo e che devono imparare a convivere con il loro corpo. Ecco qualche titolo. Li trovate tutti su Amazon. (Ho ascoltato “La canzone della cacca” e non riescono a togliermela dalla testa…)

l'oradellacacca

1, 2, 3… cacca!: Un libro per imparare a contare fino a 10 con gli animali e le loro… cacche!

lacaccastoria

La cacca. Storia naturale dell’innominabile: Storie naturali per scoprire le stranezze e le meraviglie del mondo animale. Gli ippopotami ci nuotano dentro, gli scarabei stercorari se la mangiano, le balenottere azzurre la fanno rosa… e la maggioranza degli adulti preferisce non parlarne! Che cos’è? La cacca! Leggendo questo libro scoprirai che probabilmente è la cosa più utile sulla Terra. Si presenta in svariate forme e dimensioni, e ogni animale ha una sua cacca caratteristica: scopri a cosa serve, come funziona, cosa ci può svelare e molto altro ancora.

lacanzonedellacacca

La canzone della cacca. Con CD Audio: Hai presente quel movimento che spinge nella pancia? Sembra qualcosa che si voglia liberare, tremano tutti i tombini della città: che sarà mai, forse onde che s’azzuffano nel mare? Prigionieri? O un bastimento che dall’argine si stacca? Forse, forse, forse è la tua…

sevainbagno

Se va in bagno l’uomo ragno. Filastrocche sulla cacca e su chi la fa: Tutti fanno la cacca: anche i personaggi dei fumetti! Ma siccome sono persone speciali, la fanno in modo speciale, a modo loro: quanta cacca fa Obelix? Che colore ha quella dei puffi? E quella dell’incredibile Hulk? E cosa succede a Superman, se gli scappa una scorreggia? Anche gli animali, dall’elefante alla mosca, la fanno a modo loro, e qualcuno ci si diverte pure: lo scarabeo stercorario ci gioca a palla, la mosca la usa per il tiro a segno! A proposito di cacca: e le fiabe? Ce le hanno raccontate nel modo giusto? Purtroppo no: sapete perché Cenerentola perse la scarpetta?…

isoladellecacche

L’isola delle cacche: A tre anni è difficilissimo separarsi dalla propria cacca. Quell’enorme vortice dentro il water non fa pensare nulla di buono sul luogo dove vada a finire. Per dispetto Teo rinvendica un suo sacrosanto diritto: “La cacca è mia e la gestisco io!”. E se invece tutte le sue cacche finissero in un posto sicuro…? Allora sì… potrebbe farla tranquillamente!

La leggenda del leone nero

la-leggenda-del-leone-nero

Forse vi sarà capitato di vedere online delle foto di Leoni Neri. Ma esistono? Il melanismo (da Wikipedia, of course) “è un eccesso di pigmentazione nera o quasi nera di pelle, piume o peli, in un organismo individuale o in un tipo di organismi. Più tecnicamente, si riferisce ad un fenotipo nel quale la pigmentazione di un organismo è espressa completamente, o quasi completamente”. Quindi, in poche parole, un animale, non scuro in origine, può presentarsi nero. Ci sono.

Prendiamo le foto qui sopra. E’ ovviamente opera di photoshop; ma esistono veramente i leoni neri? Lasciamo la parola al Dr. Karl Shuker (zoologo e scrittore britannico, attivo nel campo della criptozoologia):

“Non esistono avvistamenti confermati e ci sono solo poche voci, anch’esse non documentate. Probabilmente i leoni neri avvistati erano individui di colore marrone scuro o leoni che si erano rotolati nel fango”.

Screenshot - 22_01_2017 , 15.07

Fonte: KarlShuker

Stanchi di telefonate dai call-center? Fate come Tim Pppppppppprice!

call-center-1015274_640

C’era una volta un uomo di 49 anni chiamato Tim Price. Finché, un giorno, decise di cambiare nome diventando Tim Pppppppppprice.

Si pronuncia Per-per-per-per-per-per-per-per-per-per-rice. Mi piace. L’ho fatto per mettere in difficoltà tutte le persone che continuano a telefonarmi cercando di vendermi cose che non voglio. La mia teoria è che quando questi venditori vedranno il mio nome sulla loro lista di nomi da chiamare, penseranno: “Non riesco nemmeno a pronunciare il suo nome, non lo chiamerò”.

L’uomo, che vive a New Parks, a Leicester (in Inghilterra), ha detto di non avere rimpianti sul nuovo nome e che ora farà riferimento a se stesso come a Tim ’10p’ Price.

Fonte: MetroUK

L’amicizia tra la volpe Juniper e il cane Moose

Il mondo ha conosciuto la volpe Juniper nel febbraio 2016 quando la sua padrona ha caricato su YouTube un video in cui la volpe scambiava il letto per la neve e voleva saltarci dentro. Il tempo è passato ed è arrivata una novità in casa di Juniper: Moose, un pastore australiano. I due sono diventati migliori amici, mangiano insieme, dormono insieme e (a dir la verità) Juniper si è anche presa una bella cotta. Così ha dichiarato Jessika, la loro umana a BoredPanda:

“Juniper è innamorata di Moose e passa tutto il giorno cercando di attirare la sua attenzione”.

Potete seguire le loro storie su Instagram, non sono bellissimi?!

juniper-pet-fox-dog-friendship-moose-6

La città fatta di biscotti

_41355090_parliament300

Ho scritto il titolo e sono ingrassata 9 chili. Ma è una curiosità davvero troppo golosa da non condividere (anche se vecchiotta…). Nel 2006 l’artista cinese Song Dong ha creato una piccola città usando migliaia di biscotti e di dolci. Il paesaggio urbano è stato costruito in sei giorni e installato nei grandi magazzini Selfridges di Londra. Sono stati utilizzati 72.000 biscotti e caramelle e a lavoro completato, la città era lunga 12 metri.

_41355040_team300

Fonte: BBCNews

Il campo estivo per chi ama le esplosioni

animals-985500_960_720

Vostro figlio ama far esplodere gli oggetti di casa? Non castigatelo, mandatelo al Summer Explosives Camp! Non è uno scherzo, il campo estivo si trova ad Ozarks, nel Missouri ed è dedicato ai ragazzi che amano la dinamite, il trinitrotoluene e l’esplosivo al plastico. Paul Worsey, leader del progetto, è professore presso l’Università della Scienza e della Tecnologia del Missouri e vuole attirare nuovi studenti nel programma di esplosivi dell’ingegneria della scuola. Dalla brochure del campo leggiamo:

“Il campo è dedicato agli studenti delle scuole superiori che qui hanno l’opportunità unica di acquisire esperienza pratica con gli esplosivi. Sono in programma lezioni, dimostrazioni, la gestione e la ripresa di esplosivi, escursioni sul campo, e (come atto finale!) uno spettacolo pirotecnico. I ragazzi imparano anche come gli esplosivi vengono usati nell’industria e nello spettacolo. Altre scuole hanno tentato di emulare il nostro campo ma non permettono agli studenti di gestire veri esplosivi. Crediamo che questa sia una vera e propria tragedia. Gli studenti che vogliono cominciare una carriera nel campo degli esplosivi avranno l’opportunità di apprendere le competenze fondamentali necessarie per la professione”.

KaBOOM!

La collezione di Rutherford Chang: solo il White Album dei Beatles

rutherford-chang-white-album-collezione

Siete appassionati di musica? Dei Beatles? Avete una bella collezione dei loro dischi? Magari in vinile? Dilettanti. Oggi vi presento Rutherford Chang, probabilmente il collezionista più strano degli album dei Beatles. Non è interessato a tutti i dischi ma solo ad uno: il famoso White Album, il nono lavoro della band pubblicato il 22 novembre del 1968. Il disco in realtà si intitola The Beatles ma è diventato famoso per la copertina bianca aggiudicandosi il nome di “White Album”. Rutherford Chang ama collezionare ogni tipo di copie del disco, specialmente “vissute”: macchiate, scarabocchiate, pasticciate, disegnate. Attualmente, mentre scrivo, ne ha 1.652 e le potete vedere su Instagram. Se possedete un White Album potete contattare rutherfordchang@gmail.com ed entrare nella sua collezione.