Timothy Dexter: il riccone che partecipò al suo funerale e scrisse un libro senza punteggiatura

Avete mai sentito parlare di Timothy Dexter? Probabilmente no. Ed è un peccato perché la sua storia di uomo d’affari è meravigliosa.

Timothy Dexter nasce il 22 gennaio 1747 a Malden, nel Massachusetts. A 8 anni iniziò a lavorare nei campi come bracciante agricolo mentre a 16 diventò l’apprendista di un parrucchiere di città. A 22 anni sposa la ricca vedova Elizabeth Frothingham e riesce a comprare una villa.

Accumula una piccola fortuna dopo la Guerra d’indipendenza americana (1775–1783), costruisce due navi e inizia un’attività di esportazione nelle Indie occidentali e in Europa.

Dexter aveva un senso degli affari molto particolare. Non aveva certamente fiuto ma solamente una grande fortuna. Un esempio? Portò dei guanti di lana nelle Indie Occidentali, una zona tropicale. Un’idea assurda… eppure. Gli asiatici li comprarono per esportarli in Siberia.

E ancora. Esportò un carico di Bibbie verso le Indie Orientali, una zona decisamente poco cattolica. Eppure. Vennero acquistate dai missionari. Un commercio di gatti? Sì certo, verso i Caraibi dove gli abitanti furono entusiasti di avere una soluzione naturale contro la grave infestazione dei topi.

Insomma, affari eccentrici. Ma probabilmente tutto faceva parte del suo carattere. Ad un certo punto Timothy Dexter cominciò a far circolare la voce che la moglie Elizabeth era morta. La donna che si vedeva nella villa? Semplicemente il suo fantasma. Ovviamente la signora Dexter era viva e vegeta.

Dopo lo scherzetto alla moglie, l’uomo decise di spingersi oltre e decise di fingersi morto per assistere al suo funerale e vedere la reazione della gente. E così circa 3000 persone parteciparono alla veglia. La villa era piena di gente… e ad un certo punto arrivò Dexter. Era molto arrabbiato perché la moglie non aveva pianto e la picchiò con un bastone.

Nel 1802 uscì il libro capolavoro di Timothy Dexter dal titolo A Pickle for the Knowing Ones or Plain Truth in a Homespun Dress, un tomo di 8.000 parole dove si lamentava dei politici, del clero e della moglie. Dexter decise di non usare nessun tipo di punteggiatura ma raccolse punti, virgole e quant’altro in una pagina alla fine del libro con una semplice istruzione: i lettori potevano distribuire i segni come volevano.

La prima edizione fu distribuita gratis ad amici e conoscenti ma il libro diventò talmente popolare che venne ristampato 8 volte.

Timothy Dexter morì, questa volta davvero, il 23 ottobre 1806. Aveva 59 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *