La classifica scientifica delle cose più disgustose del mondo

C’è qualcosa che ti fa schifo e ti disgustosa? È logico e del tutto naturale. La dottoressa e “disgustologa” (sì, su Twitter si definisce così) Val Curtis, direttrice del reparto salute ambientale presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine, ha deciso di sottoporre 2.500 persone ad uno studio sul disgusto, esponendoli a “75 scenari” e chiedendo poi loro di classificarli.

Analizzando le risposte gli scienziati hanno identificato sei categorie di disgusto, soprattutto legate alla salute e alle malattie.

• Mancanza di igiene: tutto quello che è legato alla cattiva igiene provoca disgusto.

• Animali e insetti: i topi e gli insetti sono in cima alla lista della ripugnanza.

• Sesso: il comportamento promiscuo sessuale non è visto di buon occhio.

• Aspetto atipico: la repulsione viene provocata dalla vista di anomalie nel corpo delle persone: deformità e disabilità ma anche segnali di malattie come tosse e tracce di infezione.

• Lesioni: anche le lesioni causate da malattie provocano ribrezzo: dalle ustioni al pus passando per le vesciche.

• Cibo scaduto: i prodotti alimentari che mostrano segni di deterioramento non sono accettati: vedere la muffa o sentire puzza provenire da qualcosa che stai per mangiare… bleah, è veramente disgustoso!

E a te… cosa fa più schifo tra quello elencato?

Il Signore degli Anelli: La Battaglia del Fosso di Helm ricostruita con il Lego

Ti ricordi la Battaglia del Fosso di Helm nel film Il Signore degli Anelli: Le Due Torri (2002)? L’utente goelkim2011 ha ricostruito la scena con il Lego e ha pubblicato le foto su Flickr.

I numeri sono spaventosi: 150.000 mattoncini, oltre 1700 minifigures, l’intera struttura è grande come un tavolo da ping-pong e pesa 72 chili.

Peter Jackson e J. R. R. Tolkien ne sarebbero fieri, stupenda!

Elon Musk e i suoi 8 libri preferiti

Elon Musk è un noto imprenditore e inventore ma anche un lettore accanito. Proprio dalle sue stesse parole scopriamo i suoi libri del cuore, testi e romanzi che lo stesso Musk consiglia perché gli hanno in qualche modo cambiato la vita.

1. “Einstein: La sua vita, il suo universo” di Walter Isaacson
Walter Isaacson è l’autore della prima biografia completa di Einstein, figuriamoci se non è nella lista di Musk!

2. “Structures: Or Why Things Don’t Fall Down” di JE Gordon
“È davvero un libro molto buono se vuoi una base sul design strutturale”, ha detto Musk in un’intervista.

3. “Ignition!: An Informal History of Liquid Rocket Propellants” di John D. Clark
Parlando di missili, Musk suggerisce questo libro in un’intervista con MediaBistro definendolo anche “divertente”.

Leggi tutto “Elon Musk e i suoi 8 libri preferiti”

Più appuntamenti su Tinder se parli di… Guacamole!

Hai Tinder? Funziona? Quanti appuntamenti hai avuto questo mese grazie alla famosa app di incontri? Se sei disperato il sito di appuntamenti Zoosk ha scoperto che il cibo è una delle chiavi più importanti per attrarre eventuali partner.

Lo studio ha analizzato 3.733.185 profili e 364.609.566 primi messaggi per analizzare come determinati alimenti influenzano le interazioni online. Vediamo cos’hanno scoperto.

I migliori alimenti da menzionare nel profilo e relativa percentuale dell’aumento dei messaggi in entrata

– Guacamole: 144%
– Patate: 101%
– Cioccolato: 100%
– Insalata: 97%
– Sushi: 93%
– Avocado: 91%
– Pasta: 75%
– Formaggio: 75%
– Torta: 72%
– Burger: 68%
– Banana: 66%
– Biscotti: 64%
– Gelato: 62%
– Patatine fritte: 61%
– Frutti di mare: 61%
– Sandwich: 55%
– Bistecca: 51%
– Junk Food (Cibo spazzatura): 50%
– Pizza: 48%
– Hot dog: 41%
– Salsiccia: 30%
– Melanzane: 25% (Bonus: la menzione di melanzane in un messaggio porterà ad un aumento del 10% del tasso di risposta).
– Taco: 24%
– Costole: 20%
– BBQ: 17%
– Burrito: 17%
– Pho (zuppa di spaghetti vietnamita): 6%
– Noodles: 3%

Ovviamente ci sono anche i cibi da evitare!

Alimenti peggiori da menzionare nel tuo profilo e percentuale della diminuzione dei messaggi in arrivo

– Yam o igname, un tubero dal sapore simile alla patata: meno 70%
– Pollo fritto: meno 15%